Employee Retention: trattenere i talenti in Azienda

employee retention: trattenere i talenti

Oggi si parla moltissimo di Employee Retention…ma perché? E’ diventato uno dei principali problemi sia delle Aziende sia degli Head Hunter che perdono di reputazione nei confronti dei clienti dopo che la loro risorsa lascia l’Azienda nel giro di un breve periodo. Non è nemmeno un problema legato solo ai Millennials, ma include anche le altre generazioni: le motivazioni sono diverse ma il fenomeno è comune a tutti. In un mercato sempre più concorrenziale sono le persone che fanno la differenza e decretano il vantaggio competitivo di un’azienda. Che fare allora quando i top performer decidono di andare via? Le dimissioni di dipendenti possono rappresentare un duro colpo per l’azienda, dal momento che la loro fuoriuscita comporta la perdita di esperienza, competenze ed innovazione, ma anche il pericolo che il know-how strategico e tecnico possa passare alla concorrenza. In più, il talento in fuga può causare anche un’alterazione dell’equilibrio interno, con una crescente demotivazione e destabilizzazione di coloro che restano. È compito dell’HR evitare che ciò accada, attraverso misure di employee retention.

I manager tendono a dare la colpa a tutte le cose che non vanno bene in azienda, ma in realtà ignorano il nocciolo della questione: le persone non lasciano i posti di lavoro, lasciano i propri capi. Tutto ciò si può evitare.